[MarkeThings #1]: la stramba iniziativa di Burger King, Mulino Bianco per gli Infermieri e le altre notizie della settimana

copertina Markethings, la rubrica di notizie selezionate a tema marketing, ogni settimana sul marketingignorante.it

Ogni settimana, il team di Marketing Ignorante seleziona per te le notizie più interessanti dal mondo del marketing. Puoi sfogliare i titoli nelle Stories in evidenza del nostro profilo Instagram e qui nel Blog troverai un piccolo elenco di approfondimento sulle notizie citate in ogni uscita.

Buona lettura! 

1. BrewDog celebra l’approvazione della nuova legge sui prodotti legati al ciclo mestruale con una nuova birra: la Bloody Good Beer.

La Scozia è il primo paese al mondo ad aver approvato una legge sulla gratuità dei prodotti legati al ciclo mestruale. Il celebre marchio scozzese BrewDog, ha instaurato una partnership con l’associazione Bloody Good che da anni mira a sensibilizzare la popolazione su questo tema.

L’associazione, attraverso campagne di donazione, si muove a supporto di tutte le persone che non hanno la possibilità economica di accedere ai beni di prima necessità per la cura della persona. Inoltre, l’organizzazione benefica offre formazione sul tema a chi non è in condizione di ricevere un’educazione completa. L’intero ricavato dalla vendita di questa nuova linea di birra, sarà interamente devoluto Bloody Good.
Ecco un ottimo esempio di Marketing Sociale.

2. Nigeria: L’agenzia pubblicitaria X3M sostituisce le sue cartoline di auguri con un gioco da tavolo.

La pandemia ha messo in seria difficoltà il mondo intero, ma c’è chi ha deciso di prendere la questione con un po’ più di leggerezza almeno nel periodo delle festività. È il caso di un’agenzia pubblicitaria nigeriana che ha fatto dell’ironia, il fulcro della sua campagna natalizia. La X3M Ideas, quest’anno ha scelto di sostituire la consueta cartolina di auguri, con un gioco da tavolo completo per famiglie, dal titolo “Escape 2020”.

Il gioco ripercorre tutte le fasi di un anno a dir poco catastrofico, a partire dalla scomparsa di Kobe Bryant, fino alle controversie sul monopolio Amazon e gli accordi per la Brexit. Se la scelta sia stata di cattivo gusto o meno, non sta a noi dirlo, ma a quanto pare l’obiettivo è stato ampiamente raggiunto con un ritorno di visibilità incredibile.

3. Da oggi, è possibile spedire un Whopper® a te stesso nel futuro.

Burger King esorcizza l’incertezza che ha caratterizzato l’anno appena concluso con un curioso programma che anche questa volta ha fatto parlare di sé, come quasi ogni campagna svolta dal colosso del Fast Food d’altronde.
“Whopper® to the Future” è l’iniziativa che permetterà agli utenti di acquistare un Whopper® per il 2030, così da essere certi che almeno una cosa buona accadrà di sicuro.

4. IKEA punta tutto sulla cultura dell’eco-sostenibilità con la sua nuova campagna d’inizio anno.

Non c’è nulla di nuovo nel constatare il forte orientamento green della comunicazione di IKEA. Ma questa volta, il brand svedese supera il limite del reale con un nuovo spot TV in cui la terra viene minacciata da quello che inizialmente sembra un asteroide e che poi si rivela essere un gigantesco ammasso di spazzatura.

Nel frattempo, la narrazione video segue le abitudini di una famiglia che dimostra frugalità e parsimonia nei consumi. Frugalità e parsimonia, le due caratteristiche che rappresentano le parole chiave alla base della salvezza dalla catastrofe imminente, che nel frattempo finisce per sgretolarsi nell’atmosfera.

Dell’asteroide di spazzatura, sopravvive una sola bottiglia di plastica che cade direttamente nel giardino della famiglia protagonista, dove viene subito raccolta e gettata nel contenitore dedicato. Per questo, lo slogan recita “La fortuna assiste i frugali” e verrà lanciato in Inghilterra ed Irlanda nei primi giorni di Gennaio, per poi essere distribuito negli altri mercati d’interesse, nel corso dell’anno. (Il video completo qui)

5. La fine di Adobe Flash Player è finalmente arrivata e con lui diremo addio anche a FarmVille.

Negli ultimi 10 anni il mondo del web ha visto cambiamenti incredibili, avvenuti in rapida successione. Ma l’ultimo anno da solo, ha racchiuso delle svolte epocali e non poteva concludersi senza un altro avvenimento storico da sottolineare: la fine di Adobe Flash Player. Il plugin Flash è stato il fulcro del funzionamento di una moltitudine di applicazioni Web e tra il 2000 ed il 2010 ne abbiamo potuto osservare l’utilizzo nei portali web interattivi di brand come Nike, HP, Nokia, Motorola, Cartoon Network, WWF e HBO.

Ma con l’evoluzione di JavaScript e con la mancanza di integrazione nei sistemi Apple, l’utilità di Flash ha iniziato a sgretolarsi rovinosamente fino al 31 Dicembre 2020, data della definitiva dismissione. Il Flash Player è stato anche la base di funzionamento per molti titoli nel mondo del gaming, come Clash of Clans, Angry Birds, Bubble Shooter e soprattutto Farmville, che a differenza degli altri titoli appena citati non ha variato la tecnologia di supporto per la versione originale del gioco.

Zynga Games, la casa produttrice di Farmville (uno dei giochi più giocati in assoluto su Facebook) ha annunciato la chiusura ufficiale del capitolo originale del gioco dopo 12 anni di successi. C’è comunque una buona notizia per gli appassionati del titolo, sarà infatti possibile giocare ai capitoli successivi e soprattutto a quello in uscita.

6. Telegram vola a quota 500 mln di utenti: Il Founder Pavel Durov, svela i piani di monetizzazione.

Il servizio di messaggistica istantanea che fin dalla sua nascita porta alta la bandiera della privacy individuale, ha raggiunto quota 500 milioni di utenti. È così che per l’occasione, Pavel Durov, il founder di Telegram ha descritto pubblicamente i piani di monetizzazione del progetto.

A tal proposito, gli utenti più “techie” (incluso me ☹️), sono già stati delusi a maggio con l’annuncio ufficiale dell’abbandono del progetto TON (Telegram Open Network) in cui grazie alla tecnologia blockchain, Telegram sarebbe potuto essere oggetto di speculazione finanziaria attraverso la creazione di un token apposito, TON appunto.

Ad oggi, i due punti di forza che saranno il centro delle strategie di monetizzazione di Telegram saranno i canali pubblici e gli stickers. Il forte potenziale del flusso di comunicazione detto “one-to-many” che è possibile raggiungere con i canali, li rende un’arma potentissima nel mondo del business ed in particolare nell’ambito del community building e management.

Mentre gli stickers verranno rivisitati al fine di creare uno strumento di monetizzazione per creativi, che potranno vendere i propri pacchetti personalizzati, dividendo le revenue con Telegram. L’obiettivo primario, a detta di Durov, è quello di non gravare sull’esperienza utente e rendere il processo di monetizzazione una transizione fluida e vantaggiosa sia per l’azienda che per gli utenti.

“Non venderemo la compagnia come i fondatori di Whatsapp. Il mondo ha bisogno che Telegram rimanga uno spazio indipendente, dove l’utente viene rispettato e dove viene sempre garantito il miglior servizio possibile.” ha scritto Durov nel suo canale personale. 

7. “Questi abbracci sono per loro” – Mulino Bianco supporta gli Infermieri italiani e le loro famiglie.

Mulino Bianco (Gruppo Barilla), stringe una collaborazione con FNOPI (Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche) grazie alla quale per tutto il mese di Gennaio, gli “Abbracci” del Mulino avranno un packaging tutto nuovo.

Il nuovo involucro recita la frase “Questi Abbracci sono per loro” con un chiaro riferimento visivo (uno stetoscopio), supportato dall’hashtag ufficiale #noicongliinfermieri, che avrà lo scopo di supportare con un fondo monetario la categoria degli infermieri e le loro famiglie.

Una comunicazione ufficiale da parte di Mulino Bianco è prevista per l’8 di gennaio, ma a placare gli animi di chi parlava già di “Fake News”, è arrivata proprio ieri la conferma da parte del CMO di Barilla Group che su LinkedIn ha condiviso la fotografia amatoriale che circolava online nelle ore precedenti, confermando che “il 100% del ricavato verrà donato in beneficenza”.

Queste erano le notizie della settimana. Se sono state utili ti do appuntamento a lunedì prossimo 😉

Ti interessa approfondire temi di Marketing e leggere notizie del settore in anteprima? Entra a far parte della nostra community dove ogni giorno si appassionati e professionisti da tutta Italia discutono e diffondono contenuti a tema Marketing.

Unisciti a noi!

Andrea Felicella

Andrea Felicella

Napoletano d'origine, cresciuto immerso nella natura Umbra. 27 anni, nerd dal primo respiro, sportivo e fortemente appassionato di tutto ciò che è "geek" oltre che di Musica e di Economia. Sono sempre stato affascinato dalle dinamiche dell’imprenditoria e sono particolarmente legato alle discipline che riguardano il Marketing. È così che ho deciso di diventare un Marketer a tutto tondo. Dopo aver venduto la mia prima attività commerciale nell'estate del 2020, ora lavoro come consulente per piccole imprese e professionisti.

Altri articoli dal Blog

Influencer Virtuali
Digital Marketing
Veronica Passarella

Influencer Virtuali: chi sono e come lavorano?

Dopo i nano, i micro e i big, sono arrivati anche gli Influencer Virtuali. Gli influencer, che quotidianamente lottano sia per mantenere attiva la loro fanbase sia per accaparrarsi le migliori collaborazioni, devono competere ora

Continua a leggere

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti, annunci e analizzare il traffico del sito. Potremmo inoltre condividere con i nostri partner informazioni sul modo in cui utilizzi il sito al fine di effettuare insieme ad essi analisi dei dati web, pubblicità e social media (cookie statistici e di profilazione). Acconsenta ai nostri cookie se desidera continuare ad utilizzare il sito web. Per info più dettagliate la invitiamo a consultare il seguente link: cookie policy