copertina Markethings, la rubrica di notizie selezionate a tema marketing, ogni settimana sul marketingignorante.it

[MarkeThings #4]: Google si scontra con il governo australiano, la nuova frontiera del commercio e le altre notizie della settimana.

Mentre le tensioni aumentano sul tema delle legislazioni nazionali per la tutela dei contenuti online, gli orizzonti del panorama pubblicitario televisivo italiano si espandono grazie ad una possibile nuova rivoluzione in arrivo.

Questa è la selezione #4 delle notizie più interessanti in ambito marketing e digital. Ogni lunedì, puoi sfogliare i titoli nelle Stories in evidenza del nostro profilo Instagram e qui nel Blog troverai sempre un approfondimento per ogni titolo!

Buona lettura! 

1. Google: Nuovo Design in Search e forti tensioni in Australia.

Google aggiorna il design di una delle sezioni più complesse del proprio roster di prodotti: mobile Search.

Conosciamo bene l’importanza di una UI (User Interface) ottimizzata e quanto ogni dettaglio di questa possa pesantemente condizionare l’efficacia dei nostri prodotti o servizi.

Mastodonti come Google e simili, sono i pionieri di questa concezione di prodotto ed è per questo che il cambiamento estetico-funzionale che vedremo in roll-out nei prossimi giorni, è stata un’operazione di re-style a dir poco complessa, come dichiara Aileen Cheng, Designer Google.

L’obiettivo era quello di semplificare più possibile l’interfaccia di ricerca mobile, così da traghettare l’utente verso la risposta che stava cercando nel minor tempo possibile.

Come? Grazie all’implementazione di 5 aspetti chiave:
1. Massimizzazione del focus sulle informazioni attraverso un design delle sezioni ancora più minimale e senza contrasti di colore.
2. Rendere i testi più leggibili.
3. Aumentare i distanziamenti e gli spazi tra le sezioni dei risultati.
4. Utilizzare i colori solo per evidenziare le informazioni chiave.
5. Arrotondare tutto ciò che è arrotondabile. In pieno stile Google, ogni angolo verrà smussato, così da rendere l’esperienza utente sempre più fluida.

Appena riuscirai a provare la nuova versione, facci sapere cosa ne pensi!

A non godere di questi ultimi aggiornamenti, potrebbero essere gli australiani.

Una proposta di legge varata dal governo australiano, andrebbe ad imporre (se approvata), un obbligo da parte di Google e Facebook a retribuire editori e media company per l’usufrutto dei loro contenuti.

Google ha risposto alla volontà irremovibile del governo australiano, con la più grande minaccia pubblica mai udita dal tech giant.

Se il governo non cambierà idea sulla proposta di legge, Google Search non sarà più disponibile in Australia.

Facebook invece, rilancia con una possibilità altrettanto disarmante: in caso di approvazione, gli utenti australiani non potranno più condividere news sul social network.

La tensione è alle stelle, ma nulla è ancora certo.
Vi terremo aggiornati, sulla questione.

2. Nuovi orizzonti per l’advertising televisivo: PlutoTV è in arrivo.

PlutoTV, servizio di tv digitale on-demand americano, che nell’agosto 2020 ha totalizzato 26.5 milioni di utenti mensili, verrà lanciato in Francia agli inizi di febbraio.

Il servizio, in rapida espansione mondiale, offre programmi premium on-demand, in via del tutto gratuita!

Non occorre alcuna registrazione per usufruire di PlutoTV direttamente dall’App, oppure si potrà accedere attraverso i provider a cui siamo già affezionati, come AppleTV, AmazonFire, AndroidTV ecc…

PlutoTV, è sostenuta esclusivamente dalla pubblicità contenuta all’interno del servizio, in diversi formati.

L’offerta pubblicitaria è estremamente interessante, soprattutto dal punto di vista del targeting, che viene descritto come estremamente preciso e dettagliato.

Il mezzo, sarà (almeno in via ipotetica per il mercato Italiano) uno strumento alla portata di tutti sia in termini di utilizzo che in termini di budget.

La prospettiva di una rivoluzione del mercato pubblicitario per i formati televisivi è sempre più vicina anche per il nostro paese.

Infatti, l’ordine di espansione internazionale annunciato ufficialmente da PlutoTV, vede l’Italia come prossimo mercato da attivare entro la fine del 2021.

3. È arrivato il Creator Portal di TikTok

Dopo LinkedIn Marketing Labs, anche TikTok lancia la propria piattaforma dedicata alla formazione, ma in questo caso si tratta dei creators.

L’obiettivo è quello di portare la qualità dei contenuti ai massimi livelli attraverso un percorso di formazione che parte dall’avviamento di un account, fino alla sua monetizzazione.

Attraverso Creator Portal, nuovi creator e creator che vogliono fortificare le loro performance, avranno la possibilità di approfondire le linee guida ufficiali per una strategia di contenuto efficace!

Per il momento, i contenuti formativi sono disponibili solo in lingua inglese.

4. PlayStation regna nel mercato pubblicitario televisivo americano.

PlayStation si aggiudica uno dei primi record del 2021, con numeri da capogiro in fatto di impressions (quante volte vediamo comparire una pubblicità davanti a noi) sul mercato televisivo americano.

A confermarlo, sono i dati di iSpot.tv.
La società di analisi pubblicitaria statunitense, conferma che PlayStation si è aggiudicata il 44.2% del segmento Life & Entertainment, per un totale di 425.7 milioni di impressions, solamente nel periodo dicembre-gennaio.

Lo spot più visto, è stato “New Worlds to Explore”, quello dedicato al lancio della nuova PlayStation 5.

5. Nuovo record per Netflix: superati i 200 milioni di utenti.

La crescita del gigante dello streaming sembra inarrestabile.

Solamente un anno fa, Netflix segnava il suo primato di 160 milioni di utenti paganti.

L’aumento costante della concorrenza ed il cambio nelle abitudini degli utenti portato dalla pandemia, non costituivano un elemento positivo nelle stime di crescita del servizio di streaming.

Ma ancora una volta, Netflix sorprende tutti con l’acquisizione di 40 milioni di nuovi utenti che hanno portato una delle piattaforme di streaming più popolari in assoluto a superare il record dei 200 milioni di utenti.

6. Facebook e Maserati, partner di SituLive per la nuova frontiera del retail esperienziale.

Le abitudini di consumo sono cambiate, ormai è un dato di fatto.

La storia ci insegna che indietro non possiamo tornare quasi mai e quindi, non c’è nulla di meglio che guardare al futuro!

Ed è proprio quello che sta facendo uno dei più grandi centri commerciali d’Europa, il Westfield di Londra, attualmente chiuso al pubblico se non per i servizi essenziali.

Grazie alla nascita di Situ Live, una nuova piattaforma per lo shopping esperienziale, il Westfield, sarà teatro di un test potenzialmente epocale per il mondo del retail.

Il lancio è previsto per la primavera del 2021 e già molti brand di forte rilevanza mondiale hanno espresso il loro interesse nel prendere parte all’iniziativa che potrà rappresentare il punto di svolta del commercio tradizionale.

Maserati e Facebook (menzionata come leader in campo VR) sono due tra i primi partner ufficiali che prenderanno parte al lancio londinese insieme a molti altri brand nei settori Fitness & Salute, Smart Home, Nutrizione & Cucina, Intrattenimento, Smart & Mobile Working e Trasporti.

Situ Live, si approccia al grande momento di transizione che stiamo vivendo, con una metodologia basata sulla versatilità e la forza del digitale accompagnati dalla convenienza, in una coinvolgente cornice esperienziale da vivere in tutta sicurezza.

Molti dettagli non sono ancora pubblici, siccome il 26 gennaio si terrà il primo evento ufficiale di presentazione online.
Ma la piattaforma punta a fortificare la convenienza di un servizio immersivo da entrambi i lati, sia per il cliente che per il produttore.

Infatti, Situ Live, permetterà agli utenti di pre-osservare il prodotto da casa, recarsi in store per provarlo, assaggiarlo, indossarlo e poi, dopo averci pensato, il consumatore potrà finalizzare l’acquisto direttamente con il produttore, in qualsiasi momento o luogo si trovi.

Lo scopo è quello di disintermediare il processo di acquisto per lasciare sempre più spazio e tempo al cliente finale.

È il caso di preoccuparsi per un nuovo monopolio del commercio in arrivo, oppure conviene godersi lo spettacolo?

Facci sapere cosa ne pensi!

Queste erano le notizie della settimana.
Se sono state utili, ti do appuntamento a lunedì prossimo 😉

Ti interessa approfondire temi di Marketing e conoscere in anteprima le novità del settore? Entra a far parte della nostra community!
Ogni giorno, potrai confrontarti con appassionati e professionisti da tutta Italia, che discutono e diffondono contenuti a tema Marketing.

Andrea Felicella

Andrea Felicella

Napoletano d'origine, cresciuto immerso nella natura Umbra. Nerd dal primo respiro, sportivo e fortemente appassionato di tutto ciò che è "geek" oltre che di Musica e di Economia. Le dinamiche dell’imprenditoria mi affascinano da sempre e sono particolarmente legato alle discipline che riguardano il Marketing. È così che dopo aver venduto la mia prima attività commerciale nell'estate del 2020, ho deciso di diventare un Marketer a tutto tondo. Oggi svolgo attività di consulenza per PMI e professionisti.

Partner del mese

Il Netflix degli spot pubblicitari

Show Me è la prima piattaforma di Branded Entertainment in Italia. Movies, Web Series, Talk Show, Podcast, Editoriali realizzati dai brand più famosi del mondo!

Forse ti sei perso questi…

Marketing
Michela Zantedeschi

La Gen Z preferisce il Second Hand Market

Quando eravamo piccoli poteva succedere di guardare con insofferenza all’usato ereditato da parenti e amici vari. Poi siamo cresciuti, e qualcosa è cambiato: adesso acquistare dal second hand market è diventato di tendenza. E i

Continua a leggere

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti, annunci e analizzare il traffico del sito. Potremmo inoltre condividere con i nostri partner informazioni sul modo in cui utilizzi il sito al fine di effettuare insieme ad essi analisi dei dati web, pubblicità e social media (cookie statistici e di profilazione). Acconsenta ai nostri cookie se desidera continuare ad utilizzare il sito web. Per info più dettagliate la invitiamo a consultare il seguente link: cookie policy