[MarkeThings #6]: Civili nello Spazio, la Startup School gratuita di Google e le altre notizie della settimana.

copertina Markethings, la rubrica di notizie selezionate a tema marketing, ogni settimana sul marketingignorante.it

Abbiamo appena assistito ad un momento memorabile nella storia della pubblicità grazie allo spot per la prima missione spaziale senza astronauti a bordo, ma nel frattempo la Connected TV continua ad espandere gli orizzonti dell’Advertising che si evolve in forme sempre più elaborate come ci ha mostrato Apple.
Questa è la selezione #6 delle notizie più interessanti in ambito marketing e digital.

Ogni lunedì, puoi sfogliare i titoli nelle Stories in evidenza del nostro profilo Instagram e qui nel Blog troverai sempre un approfondimento per ogni titolo citato.

Buona lettura! 

1. La prima pubblicità della storia per un volo spaziale civile.

Ebbene si, siamo già arrivati a vivere quei momenti che fino a pochi anni fa sembravano idee cinematografiche provenienti da una galassia lontana, lontana…

E invece in un posto vicino, vicino, sul nostro stesso pianeta, dal 7 Febbraio, l’umanità ha iniziato a pubblicizzare i voli spaziali civili.

Sto parlando di Inspiration4, la prima missione spaziale con equipaggio interamente civile. Quattro persone selezionate, andranno a rappresentare i pilastri concettuali su cui si sviluppa una missione che andrà inevitabilmente a segnare la storia dell’umanità.

Leadership, Speranza, Generosità e Prosperità saranno rappresentati da 4 esseri umani che a bordo della navicella Dragon, prodotta da SpaceX, compieranno un viaggio di più giorni, all’interno della LEO (Low Earth Orbit: il livello di orbitazione più vicino alla Terra).

Solamente due posti su quattro sono già stati assegnati.

Il primo posto, quello del capitano, corrisponde alla Leadership ed è prenotato dal miliardario Jared Isaacman, il CEO di Shift4 Payments (colosso americano dei pagamenti digitali), in qualità di sponsor ufficiale della missione, donatore impattante e pilota esperto (detentore di un record mondiale nel 2009 per aver circumnavigato il globo a bordo di un jet leggero, a soli 26 anni).

Il secondo posto, corrisponde al pilastro della Speranza e rivela l’obiettivo della complessa campagna di comunicazione pianificata da Known Studios:
Approfittare di un momento epocale nella storia dei viaggi spaziali e dell’esplorazione umana, per portare al successo una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per il St. Jude Children’s Research Hospital.

Non è stato ancora rivelato alcun nome, ma il posto della Speranza sarà occupato da un ambasciatore dell’importante struttura ospedaliera pediatrica.

È qui che entra in gioco il claim della campagna, “Join Us”.

Gli altri due posti, quello intitolato alla Generosità e quello rappresentato dalla Prosperità, saranno assegnati ad estrazione tra tutti gli utenti che effettueranno una donazione al St. Jude (Generosità) e quelli che apriranno un nuovo e-commerce (Prosperità) con Shift4shop (builder di proprietà di Isaacman).

Lo spot, tanto minimale quanto suggestivo, è il prodotto di una regia spaziale composta da alcuni dei nomi che hanno contribuito alla produzione di titoli come Jurassic World, The Mandalorian e gli spin-off di Star Wars.

Esiste un palcoscenico migliore di quello del Super Bowl?

Assolutamente no. E quindi, lo spot è stato trasmesso pubblicamente durante lo show sportivo più seguito al mondo, il giorno 7 febbraio, davanti ad un’audience stimata di 100 milioni di persone.

Guarda la versione completa qui.

2. Amazon: tagli alla spesa pubblicitaria.

Per la prima volta, dopo 17 anni, Amazon riduce la propria spesa pubblicitaria.

Il 2020, grazie allo scoppio della pandemia, ha visto un fortissimo sviluppo del settore e-commerce e nello specifico, il colosso fondato da Jeff Bezos ha giovato di un incremento globale del 37%.

In queste condizioni di mercato, nelle fasi iniziali della pandemia, molti e-commerce hanno diminuito la spesa pubblicitaria per via della richiesta sempre crescente e per un temporaneo calo dei prezzi del mercato pubblicitario.

La stessa meccanica, ha permesso ad Amazon di rimanere sul podio dei più grandi investitori pubblicitari al mondo grazie al record degli 11 miliardi di dollari, spesi nel 2019, pur riducendo la spesa nel 2020 a 10.9 miliardi.

Un altro segnale di forte sviluppo è rappresentato anche dalla rapida crescita della piattaforma proprietaria di Advertising interno per i prodotti da e-commerce.

Questo business “secondario”, avrebbe raggiunto un livello di crescita del 52% rispetto allo scorso anno.

Infatti, anche se le cifre esatte che corrispondono alle Ad interne non sono state rivelate, nell’ultimo bilancio queste rappresentano l’unica voce della categoria “Altro”, per un ricavo corrispondente di 21,5 miliardi di dollari.

Fonte: Campaign.

3. YouTube: la rinnovata sezione per gli amanti dello sport e le Clip.

Il mondo della CTV (Connected TV) continua a progredire, grazie ad una preferenza generale sempre più orientata verso l’on-demand.

Lo spettatore “digital-first” sta iniziando, poco alla volta, a moltiplicarsi in tutte le categorie dell’intrattenimento.

Per questo motivo e sulla base dei dati che hanno visto YouTube al primo posto nelle classifiche delle piattaforme preferite dai tifosi americani, il leader dei contenuti video, ha introdotto una rinnovata sezione “Sports”, raggiungibile qui: YouTube.com/Sports.

Nella nuova versione della sezione Sports, i fan potranno trovare highlights, clip, approfondimenti e contenuti complementari ai loro maggiori interessi sportivi. Il tutto, in una nuova veste grafica ancora più coinvolgente e strutturata per essere goduta a pieno in versione TV.

Alla base di questa scelta infatti, troviamo i dati sull’incremento delle visualizzazioni da TV rispetto a quelle da Smartphone, Tablet e PC.

YouTube stessa, rispetto allo scorso anno, parla di un 65% di crescita dei tempi di visualizzazione di contenuti sportivi da TV. Eventi live esclusi.

Risultati molto interessanti, che saranno sicuramente uno stimolo ad acquisire posizioni pubblicitarie in questa nuova area di opportunità.

Infatti, la sezione Sports è stata già inserita all’interno del programma YouTube Select, che permette agli advertiser utenti di YouTube Ads, di selezionare i contenuti più adeguati ai propri prodotti/servizi per raggiungere così l’audience più affine possibile al tipo di comunicazione scelto.

Questa è la potenza del CTV Advertisement.

Allo stesso tempo, il richiamo dei formati brevi, ha fatto sì che partisse la sperimentazione sulla funzione “Clip”.

Grazie a questa funzione (in fase di sviluppo su cerchie ristrette di utenti) sarà possibile condividere una porzione di video o di una live, con durata variabile tra 5 e 60 secondi.

Il bottone “Clip”, è momentaneamente disponibile per pochissimi video, vicino al tasto Condividi. Dopo aver selezionato la porzione che vogliamo condividere, ci verrà restituito un URL che una volta cliccato dal ricevente, aprirà il video esattamente nel range di durata che abbiamo impostato nella creazione della Clip.

4. Capodanno cinese: la campagna mozzafiato di Apple.

Apple torna a mettere in campo la tattica dello story-telling di altissimo livello, prodotto attraverso i propri device.

Non è la prima volta che possiamo osservare come questo metodo indiretto, porti poi al compimento di una fortissima ed elegante operazione pubblicitaria. Basta ricordare il video ufficiale del brano Stupid Love di Lady Gaga, girato interamente con un iPhone 11 Pro.

Questa volta, sarà il mercato asiatico a godere di questo particolare prodotto pubblicitario. In occasione del capodanno cinese, Apple ha lanciato un micro-film della durata di 12 minuti, intitolato “Nian“, dal nome di una creatura leggendaria cinese.

Per farlo, il gigante di Cupertino, ha ingaggiato la regista Lulu Wang che ha diretto da remoto una crew operante sul set in Cina.

Il micro-film, vede protagonista una bambina senza paura che dopo aver disobbedito ai genitori, finisce per conoscere di persona il Nian, mostro che vive nella foresta e che secondo la leggenda si nutre di bambini.

Una volta trovato il Nian, la piccola, riesce subito a fare amicizia con il mostro e realizza che la leggenda aveva il solo scopo di spaventare i bambini ed evitare che questi si addentrassero a curiosare nella foresta.

Lo svolgimento della storia, vede il suo epilogo morale nella capacità della bambina di convincere i genitori ad affrontare le proprie paure, fungendo così da “nuova luce” nell’oscurità.

L’effetto WOW, è quasi assicurato quando l’ultimo fotogramma mostra il logo Apple ed una frase a chiusura dei titoli di coda indica che il corto è stato ripreso interamente con iPhone 12 Pro Max.

Guarda il video integrale qui.

5. Nuova funzione per Telegram: I sondaggi.

È un periodo ricco di novità per Telegram, il servizio di messaggistica istantanea con sede operativa a Dubai.

L’app privacy-first, sta prendendo una direzione sempre più affine al mondo delle community ed è così che in una comunicazione del primo febbraio, viene annunciata la nuova funzione per creare i sondaggi.

Infatti è già possibile lanciare i sondaggi in gruppi e canali cliccando l’icona per gli allegati e selezionando semplicemente la voce “Polls”.

I sondaggi potranno essere lanciati anche in forma anonima, a risposta multipla e poi in modalità Quiz.

Quest’ultima modalità, permette di impostare una risposta corretta tra le altre e gli utenti non potranno rettificare la propria risposta una volta inoltrata.

6. Instagram: diremo addio alla possibilità di condividere i post nelle Stories?

Nel corso delle settimane passate, un numero ristretto di utenti Instagram ha ricevuto una notifica che li avvertiva di un test che avrebbe impedito loro di condividere i feed post nel formato storia.

Da quanto si può leggere nel testo della notifica, il test sarebbe stato avviato in base alle richieste della community.

Allo stato attuale delle cose, per gli utenti del gruppo sperimentale, rimarrebbe attiva la possibilità di condividere Tweet ed anteprime di Instagram TV nelle storie, ma lo stesso per sarebbe valido i feed post.

Una manovra che risulta più che sensata se consideriamo quanto constatato da Instagram.

In effetti, se seguiamo un utente, possiamo già consumare i contenuti che questo produce attraverso il feed e risulta ridondante trovare lo stesso contenuto all’interno delle storie.

La stessa problematica di ridondanza che la piattaforma intende risolvere per salvaguardare la qualità dei contenuti e l’engagement relativo, è subito emersa anche in ambito Reels.

Ad oggi infatti, gran parte dei contenuti nel formato Reel, non sono altro che re-post provenienti da TikTok.

Per questo motivo, Instagram ha iniziato ad agire per prevenire il re-post di contenuti da fonti non corrispondenti al formato che intendiamo utilizzare.

L’obiettivo è quello di spronare gli utenti a creare contenuti nativi per ogni formato, così da godere a pieno della visibilità offerta dalla piattaforma.

Tuttavia, Instagram ha specificato che si tratta solo di un test e che non è ancora previsto un aggiornamento ufficiale.

Allo stesso tempo, secondo indiscrezioni provenienti dai leaker di Twitter, Facebook starebbe lavorando alla possibilità di “consigliare” i Reels di Instagram, all’interno di Facebook. Come abbiamo già visto in passato per le Storie.

Fonte: SocialMedia Today

7. Google continua ad investire nelle startup, nasce Startup School.

Continua ad espandersi l’elenco di strumenti gratuiti messi a disposizione da Google per studenti ed imprenditori.

Questa volta, il focus torna sulle startup, segmento che Google sta già supportando da anni con numerosi programmi di formazione in academy e campus online ed offline.

Google for Startups: Startup School, è il nuovo programma dedicato interamente ai founders ed i loro team e consiste in una serie di eventi online per una formazione verticale sugli strumenti ormai necessari ad una sana crescita del proprio business, come Google Ads, Google Analytics e Google Cloud.

Tutti gli eventi sono accessibili in via gratuita cliccando il tasto “Register Now” posto al di sotto di ogni evento visibile nella homepage del progetto.

Per registrarsi sarà necessario fornire informazioni dettagliate sul proprio progetto di business e tutti gli appuntamenti si svolgeranno in diretta, in orari prestabiliti ed esclusivamente in lingua inglese.

Queste erano le notizie della settimana.
Se sono state utili, ti do appuntamento a lunedì prossimo 😉

Ti interessa approfondire temi di Marketing e conoscere in anteprima le novità del settore? Entra a far parte della nostra community!
Ogni giorno, potrai confrontarti con appassionati e professionisti da tutta Italia, che discutono e diffondono contenuti a tema Marketing.

Unisciti a noi!

Partner del mese

Biglietti da visita digitali

TAC è la prima applicazione business eco-friendly che permette di creare e condividere biglietti da visita digitali, gestire eventi e documenti aziendali.

Andrea Felicella

Andrea Felicella

Napoletano d'origine, cresciuto immerso nella natura Umbra. 27 anni, nerd dal primo respiro, sportivo e fortemente appassionato di tutto ciò che è "geek" oltre che di Musica e di Economia. Sono sempre stato affascinato dalle dinamiche dell’imprenditoria e sono particolarmente legato alle discipline che riguardano il Marketing. È così che ho deciso di diventare un Marketer a tutto tondo. Dopo aver venduto la mia prima attività commerciale nell'estate del 2020, ora lavoro come consulente per piccole imprese e professionisti.

Altri articoli dal Blog

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti, annunci e analizzare il traffico del sito. Potremmo inoltre condividere con i nostri partner informazioni sul modo in cui utilizzi il sito al fine di effettuare insieme ad essi analisi dei dati web, pubblicità e social media (cookie statistici e di profilazione). Acconsenta ai nostri cookie se desidera continuare ad utilizzare il sito web. Per info più dettagliate la invitiamo a consultare il seguente link: cookie policy